Home » Varie

Varie

Educazione allo sviluppo sostenibile

Settimana di Educazione allo Sviluppo Sostenibile: 19-25 novembre 2012

Madre Terra: Alimentazione, Agricoltura ed Ecosistema

L’Alimentazione è il focus della Settimana UNESCO di Educazione allo Sviluppo Sostenibile 2012 che si terrà come ogni anno a novembre. Numerosi i temi affrontati: agricoltura, rispetto del territorio, biodiversità, salute, gestione sostenibile delle risorse naturali, riduzione degli sprechi, diminuzione dell’impronta ecologica, modelli equi e sostenibili di produzione e consumo, filiera corta, chilometro zero, riduzione degli imballaggi, tradizioni e saperi delle popolazioni, distribuzione globale delle materie prime e degli alimenti.

Quale contributo può provenire dalle politiche pubbliche e dall’iniziativa privata, dal nostro impegno quotidiano come cittadini, dalle nostre forme di produzione e consumo, dalla ricerca e dall’innovazione nel settore agroalimentare? Come possiamo immaginare insieme nuovi modelli di sviluppo che tengano presente le esigenze di sostenibilità del nostro territorio? Che ruolo può avere la società civile nell’affrontare la complessità delle questioni legate all’alimentazione?

A queste e ad altre domande cercheranno di rispondere quest’anno centinaia di realtà - istituzioni, scuole, associazioni, imprese, fondazioni, università – che, sotto l’egida e il coordinamento della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, daranno vita ad un ricco calendario di eventi in rete, i più diversi: convegni, laboratori, escursioni, mostre, giochi, spettacoli, dimostrazioni pratiche.

Tutti coloro che sono impegnati nell’educazione allo sviluppo sostenibile sono invitati a promuovere tra il 19 ed il 25 novembre iniziative educative e di sensibilizzazione sul territorio. Per aderire è necessario compilare la scheda di adesione ed inoltrarla, entro e non oltre il 19 ottobre 2012 ed esclusivamente in via elettronica, all’indirizzosettimana2012@gmail.com; una volta valutata e approvata, verrà inviata una conferma ufficiale di inserimento nel Programma Nazionale 2012, unitamente ai Loghi DESS ed UNESCO utilizzabili solo ed esclusivamente sui materiali predisposti per l’iniziativa aderente alla Settimana.

E’ possibile scaricare le Linee guida con i requisiti per l’adesione e alcuni suggerimenti tematici per gli aderenti, la scheda di adesione, il Comunicato Stampa della Settimana ESS 2012 e l’elenco dei Referenti regionali DESS.

 

Per ulteriori informazioni:

www.unesco.it; www.unescodess.it;

Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO

Settore Sviluppo Sostenibile

Filippo A. Delogu: filippo.delogu@unesco.it                Maria Torresani: maria.torresani@esteri.it

Tel.:  06 68 73 713; int. 211

 

Il “Decennio ONU di educazione allo sviluppo sostenibile” (DESS), ha preso avvio nel 2005, sotto la leadership dell’UNESCO, allo scopo di diffondere valori, consapevolezze, stili di vita orientati al rispetto per il prossimo, per il pianeta e per le generazioni future.

In Italia la campagna per il DESS beneficia della collaborazione di numerosissimi partner, istituzionali e non, impegnati a diffondere la cultura della sostenibilità: Ministeri, Regioni, rappresentanze socio-economiche, associazioni, enti di ricerca e formazione, reti di scuole, agenzie ambientali, ONG…

Le organizzazioni partner compongono il Comitato nazionale DESS, che si riunisce periodicamente per confrontarsi, scambiare esperienze ed attivare sinergie. 

Il Comitato nazionale DESS ha stabilito nel 2006 di indire un evento centrale annuale della campagna, la Settimana di Educazione allo Sviluppo Sostenibile, che si tiene ogni anno a novembre con centinaia e centinaia di appuntamenti in tutta Italia, coordinati dalla Commissione Italiana UNESCO.

L’edizione 2011 della Settimana di Educazione allo Sviluppo Sostenibile (7-13 novembre 2011) è dedicata al tema dell'Acqua.
Tutti coloro che sono impegnati nell’educazione allo sviluppo sostenibile, per l’occasione, sono invitati a promuovere iniziative educative e di sensibilizzazione.

Ulteriori informazioni sono reperibili sul sito della campagna italiana per il DESS www.unescodess.it.